Dedicato ai siciliani che sognano
una Sicilia libera e moderna

Centro Storico Mappa Foto Cartoline Meteo Libri Gastronomia Mappamondo Etna Valley

 Oggi in città
Il Comune
298.957
140.811
158.146

Phoenix
città gemellata
 
 
 
 

 My sponsor



Cerca
 
 
 
 Rubriche
Dediche
Mappamondo
Appunti di Vittoria Timmonieri
Forse non tutti  sanno che...
Siti personali
Proverbi
Indovinelli e miniminagghi
Vignette
Siti Internet segnalati
 Catania e la rete
Informazione

 

Se cerchi...
Consegne
espresse
 
 

 

 I nostri siti



 

  Siti amici


 
 
 CATANIA

Foto della città    

 

Organizza il tuo volo a Catania con Volo24.it!

 
 Una città da scoprire 
 

Scoprite Catania, città simbolo di rinascita   


Catania, nel corso dei suoi 2700 anni di storia (la sua fondazione risale al 730 a.c.), ha vissuto epoche di splendore. 
In età romana doveva essere una città fiorente se poté costruire un anfiteatro che per dimensioni era secondo solo al Colosseo.

Durante le dominazioni normanna, sveva e aragonese è stata residenza reale e per circa un secolo capitale del Regno. In quel momento storico la città era considerata un importante  presidio strategico e Federico II di Svevia, che coltivava il sogno di portare il centro  dell'Impero nel cuore del Mediterraneo, qui fece costruire il Castello Ursino .  

Alfonso d’Aragona, invece, scelse Catania per fondare la prima Università degli Studi siciliana (tra le prime d’Italia) nel 1434, che sarà un punto di riferimento della cultura del tempo.

Non fu mai, per indole, una città egemone, piuttosto un operoso centro di attività economiche e di scambi commerciali, un luogo d’incontro di popoli e culture

Ma non fu mai neppure supinamente accondiscendente verso i dominatori:  a coloro che seppero rispettarne l’identità manifestò apprezzamento e fedeltà (è il caso dei re aragonesi); contro i cattivi governanti seppe reagire e insorgere.
E’ stata una città greca, romana, bizantina, araba, normanna, sveva,
angioina, aragonese, spagnola: dunque, inevitabilmente, una città aperta e tollerante. Ma soprattutto Catania può essere considerata un simbolo della rinascita: tante volte distrutta dalle forze della natura – il suo Vulcano, i terremoti – e dai conquistatori che in più occasioni l’hanno saccheggiata e rasa al suolo, altrettante volte è risorta dalle macerie, con perseveranza e coraggio.

Oggi il visitatore vedrà principalmente una città barocca, ridisegnata da illustri architetti dopo il terremoto del 1693, in un fervore di ricostruzione che la farà rinascere in pochi anni.
 

 

 "Catania per te" vi parla di tutto questo; ma l'esperienza di un viaggio nella nostra città è insostituibile: solo così potrete scoprire che la bellezza di Catania non è solo da vedere, ma anche da assaporare nella sua gastronomia, da ascoltare nel vociare dei catanesi nei luoghi più popolari; da odorare nei giardini profumati e in riva al mare, da toccare nelle accurate realizzazioni artigianali.
Per conoscere davvero Catania dovete viverci qualche giorno e il nostro consiglio è di prenotare subito il vostro soggiorno.

 

Benvenuti a Catania!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 Estate a Catania e dintorni
Salutiamo con entusiasmo un'iniziativa che vede  le associazioni maggiormente rappresentative in campo culturale unirsi per costituire una rete, collaborando alla creazione di eventi


ROCCANORMANNA FEST

17 luglio/24 agosto – PATERNÒ, collina storica

È un grande, attesissimo ritorno quello di ROCCANORMANNA FEST, la rassegna di spettacoli e creazioni contemporanee che animerà l’estate 2014, nella splendida cornice della collina storica, a Paternò (CT). Dopo lo straordinario successo riscosso negli anni ’90, il festival torna ad essere punto di riferimento nell’ambito degli appuntamenti culturali estivi, con un cartellone di grande qualità, nato dalla collaborazione fra il Comune di Paternò ed una rete di operatori culturali del comprensorio: Zo Centro Culture Contemporanee, Città Teatro, Lomax, Cinestudio, Catania Jazz, Associazione musicale Etnea, Rete di Drammaturgia Contemporanea Latitudini. Con loro anche alcune associazioni culturali locali, impegnate nella rivitalizzazione dell’identità artistica del territorio, fra cui la Casa Museo del Cantastorie, la Casa dei Santi, l’Associazione Musica e Movimento. A sostenere il festival anche molti imprenditori e privati che hanno fornito il loro entusiastico contributo alla realizzazione della rassegna.
«Per più di un mese la collina storica paternese sarà lo scenario entro cui offriremo spettacoli di grande qualità – evidenzia il sindaco, Mauro Mangano -, ROCCANORMANNA FEST ci consente di valorizzare il nostro patrimonio monumentale e rappresenta una formidabile occasione di crescita culturale per la città ed il territorio».
«Il progetto ROCCANORMANNA FEST – dichiara Silvio Parito, della Rete di Drammaturgia Contemporanea Latitudini - è la dimostrazione di come, pur in presenza di enormi difficoltà finanziarie sia per gli operatori culturali che per gli Enti locali, un modello di collaborazione propositiva è possibile».
A dimostrarlo è la qualità e la varietà degli appuntamenti, per un cartellone che, fino al 24 agosto, prevede 15 spettacoli teatrali, 8 concerti di musica, 5 spettacoli per bambini e 11 giornate di cinema...




 Società 
Riceviamo e volentieri pubblichiamo

RENZI, IL MOZAMBICO, L'ENI E IL SOSTEGNO AI MIGRANTI

di Domenico Stimolo


Matteo Renzi è andato in visita in Mozambico. Bene. Un presidente del Consiglio ( oltreché segretario del principale partito, Pd) di una nazione importante come l’Italia fa bene a dar corso a visita ai popoli sparsi in giro per il mondo. Durante l’occasione sono stati emessi due importanti messaggi. L’ENI annunzia di volere investire in Mozambico una cifra colossale, pari a 50 miliardi di dollari: “ per il gas e la crescita del paese”. Guarda caso, però, da parecchi giorni ormai i circa 3500 lavoratori ( diretti ed indotto) dello storico sito Eni di GELA ( Sicilia) sono in lotta permanente per difendere il loro posto di lavoro. Che forse siano presi da perverse traveggole di autolesionismo? O temono il disfacimento della raffineria? Già, chissà perché!
Intanto tutti gli abitanti della città ( centomila) sono mobilitati assieme alle organizzazioni sindacali siciliane. Inoltre, sull’immigrazione, Renzi dichiara, come riportato dal sito PD: "I problemi non si risolvono con gli spot dei politici in cerca di voti. Se vogliamo davvero risolvere la questione dell'immigrazione, dobbiamo intervenire nei Paesi da cui l'immigrazione parte e dare occasioni di sviluppo, di benessere, di pace e di libertà. Serve ciò che stiamo facendo in Mozambico, non slogan o spot di qualche ideologo con la camicia colorata".
Nel frattempo, in attesa realizzativa del “miracoloso” e “profetico” messaggio che equivale pari, pari, al fatidico “aiutiamoli a casa loro” da due decenni professato dalla Lega e dalle nostrane destre, “godiamoci” l’arrivo dei quasi ottantamila in Sicilia dal gennaio di quest’anno.
In gran parte ( meno le persone morte affogate nel Mediterraneo) provenienti da aree di guerra, dittature e “carestie” armate.In questo caso come “ si interviene nei loro Paesi”?
Come ben noto, sul piano generale, l’arduo dilemma è stato già affrontato in tante occasioni, con interventi armati e le “pie azioni” delle multinazionali…….. “ottimi i risultati”!
E dire che ogni anno ( 20 giugno) si svolge la Giornata mondiale del Rifugiato…..oltre 50 milioni nel mondo.
Basterebbe ripassarsi il Report internazionale per meglio riflettere.

 

 

 Catania in video
Youtube, la più grande mediateca mondiale, con la sua raccolta di video rappresenta anche un modo originale e creativo di far conoscere le città, come Catania, ad esempio...
 
     
La cover di "Happy"  vincitrice della selezione
fatta da Pharrell Williams e dalla  United Nations Foundation  per rappresentare l'Italia
all'International Happiness Day 201
  La cover di "Happy" realizzata
dagli abitanti del quartiere Nesima.
"[...]Abbiamo voluto fortemente questo video perchè è dalla periferia che nascono le cose migliori, è dalla periferia che bisogna ripartire anche semplicemente con un sorriso HAPPY"
  "Amo Catania"
Divertente video sui tratti
più caratteristici del catanese
         
     
Un filmato su Catania
nei primi del '900
  Video realizzato
dall'ITI "S.Cannizzaro" Catania
per il progetto G-1-FESR-2011-59
Comunic@zione 2.0
   


 

 

 Cultura & Turismo

Con grande piacere vi segnaliamo questi due siti, molto ben fatti, che sono un buon esempio di promozione della Sicilia e di uno dei monumenti più importanti che si trova a Catania

SICILIA BAROCCA
Portale del Distretto Culturale Sud Est

www.siciliasudest.it


MONASTERO DEI BENEDETTINI
DI SAN NICOLO' L'ARENA - CATANIA

www.monasterodeibenedettini.it


 
 
 
 

 

 
 
 
 
 
 
Scrivi
in Redazione
Firma il libro
dei visitatori
    Ringraziamenti