Proposte culturali

Franco Pulvirenti, Giuseppe Vazzana e Franco Arcidiacono

 
Le proposte culturali avanzate dall'Associazione all'Amministrazione Comunale sono le seguenti opere realizzate da Giuseppe Vazzana e da Franco Arcidiacono, che possono essere rappresentate in forma di recitals multimediali o totalmente teatralizzate nel contesto scenografico di monumenti catanesi di grande interesse storico:

 

 

I.  Piazza Università. La rivolta antispagnola di Bernardo Paternò nel 1647

Un anno prima della rivolta di Masaniello, a Napoli, un importante, ma pressoché sconosciuto, episodio di storia patria, donde una spettacolazione con costumi d'epoca.

 

 

II.. Castello Ursino:
      l. Il
falconiere ideale, scelta di testi desunti dal trattato De arte venandi cum avibus di Federico Il di Svevia, con presenza contestuale di parti monologiche di mia composizione aventi per contenuto la concezione del mondo e del potere dell'Imperatore che fu detto 'fulgor mundi".

      2. Sicilia provenzale, elaborazione in forma di recital di testi di poeti gravitanti presso la corte di Federico II di Svevia, da Iacopo da Lentini a Cielo d'Alcamo allo stesso Imperatore, a cura di Franco Arcidiacono.

 

 

III. Teatro greco-romano: Ducezio, nel racconto del poeta Cirneco di Piakon,

dramma poematico in versi liberi di Giuseppe Vazzana, avente a oggetto la vicenda del condottiero siculo che nel 460 a.C. liberò Katana dall'occupazione di migliaia di mercenari campani, ivi installati da Gerone, tiranno di Siracusa, e si pose successivamente a capo di una guerra di liberazione indipendentista del suo popolo contro le mire espansionistiche delle città siceliote di origine greca. Se ne fornisce il testo in allegato.Nonostante la sua collocazione cronologica in un'epoca lontana quasi due millenni e mezzo dal presente, l'opera sviluppa tematiche di grande attualità e mostra un ulteriore motivo d'interesse nella citazione contestuale di tredici epigrafi nell'antichissimo idioma siculo, che gli studiosi considerano concordemente derivare da un comune ceppo linguistico latino - osco/umbro - falisco - altoitalico, come le genti che lo parlavano.

 

 

IV. Anfiteatro romano e Terme dell'Indirizzo: (Homo homini) Lapus (in fabula), opera a sezioni giustapposte, che descrive la vita di un astuto e inquietante sottoproletario catanese del 111 sec. d. C. soprannominato Lupus, contemporaneo di S. Agata, il martirio della quale suscita in lui violente reazioni emotive. L'opera incorpora i testi degli interrogatori subiti dalla

Patrona di Catania a opera di Quinziano, integrate da parti monologiche intese a illuminare il mondo ideale e religioso della Martire. L'anfiteatro romano è sede idonea anche per Ducezio.

 

 

V. Piazze della città l. Il balletto di Oniria tra le stelle, poemetto scherzoso in elaborazione multimediale. Tema dell'opera il viaggio in sogno della ballerina Oniria attraverso il Sistema Solare, i cui pianeti, dai nomi mitologici, vengono rappresentati secondo, le caratteristiche e le gesta attribuite loro dalla tradizione greca. Nell'elaborazione multimediale sono previste musica e danza. L'opera può essere ridotta e abbinata con 2.Canti

metropolitani, recital di Franco Arcidiacono su propri testi con accompagnamento di chitarra.  3. Mantra Sicano, opera multimediale di Giuseppe Vazzana avente per oggetto

una lunga riflessione esistenzialista di Polifemo, a cui Ulisse annuncia di  non volerlo accecare, con ciò violando le disposizioni del Fato, per non privare l'umanità della via dell'introspezione garantita dall'intuitività del suo Occhio Lunare. L'opera vede entrare successivamente in scena il Sole, che declama in siciliano, la Luna, il Vento, l'Eco, le Nuvole e altri enti naturali.

 

 

VI. Il popolo della notte saluta l'arte della città: Franco Arcidiacono, Canti

metropolitani; Giuseppe Vazzana, L'espresso infernale. un treno sotterraneo attraversa gli inferi urbani, cercando segni di speranza e d'amore.

 

 

 

VII. Mostra Il tempo e la bellezza, gli dei e gli eroi.

1 . Il balletto di Oniria tra le stelle

2. Genealogia. Narrazione poematica delle vicende di Apollo, dio dell'annonia, che raggiunge la consapevolezza del conosci te stesso dopo un'odissea attraverso la disarmonia dei sentimenti umani e il dolore per la perdita del figlio Asclepio, fondatore della medicina, ucciso da un fulmine di Zeus, su deliberazione congiunta con Ade.

3. Ulisse e Polifemo, testi scelti da Mantra Sicano

4. Testo ad hoc Afrodite e Crono, la bellezza e il tempo