Il Cus Catania pronto agli spareggi
per la B

Il quindici universitario
di Pippo Puglisi protagonista di una positiva stagione

di Maurizio Giordano


Anche quella di quest’anno si può considerare una stagione positiva. L’obiettivo degli spareggi promozione, infatti, è stato centrato ed il Cus Catania di rugby è ancora là, a lottare il 12 e 19 maggio prossimo per accedere alla serie B.
Nel campionato di serie C1 2001/2002, il quindici di Pippo Puglisi ha cominciato quasi in sordina; poi è riuscito ad inanellare una serie di risultati utili, bruciando la concorrenza del coriaceo San Gregorio del tecnico Roberto Cafaro e soprattutto nel finale ha scavalcato il Milazzo.

Nei momenti topici del campionato gli universitari hanno tirato fuori il carattere, dando il massimo, ottenendo il pass per gli spareggi, anche se la Federazione ha giocato un brutto scherzo alle formazioni isolane che hanno centrato gli spareggi. Il Cus Catania e il Milazzo giocheranno con squadre del Nord Italia, il Cus affronterà il 12 e il 19 maggio il Cus Verona, il Milazzo una formazione di Udine.

 

"Il Verona non sarà certo un avversario facile - sottolinea Nino Puleo, responsabile del settore rugby del Cus, - ma ormai ogni avversario va bene. Sappiamo che ci giochiamo tutto in due partite, ovvero una stagione ben giocata in soli 160’. Il Cus 2001-2002 ha divertito di più, superando alla fine il favorito Milazzo. Siamo riusciti, per differenza mete, a conquistare il primo posto ai danni del Milazzo ed ancora una volta abbiamo portato a termine una stagione positiva in un ambiente d’amici, dove si celebrano tanti anniversari come quelli dedicati ad alcuni nostri sfortunati compagni che ci hanno lasciato oppure al gemellaggio con gli Old di Belluno e Villa Pamphili di Roma. Infine anche le nostre squadre giovanili hanno dato buone prestazioni confermando l’ottimo lavoro svolto dall’intero movimento rugbistico cusino".

Ancora una volta ha mostrato fedeltà alla maglia del Cus, mister Baffo, ossia Pippo Puglisi che, anche quest’anno, ha guidato la prima squadra negli spareggi promozione. "E’ un ambiente sereno, familiare, che mi stimola sempre a far bene - spiega Pippo Puglisi - ed ho a che fare con dei ragazzi generosi che credono a questo sport duro ma entusiasmante, che non annoia mai. Quest’anno abbiamo avuto un inizio balbettante ma poi siamo venuti fuori, vincendonel finale la sfida con il Milazzo per il primo posto. Speriamo di essere più fortunati, rispetto alle scorse stagioni, negli spareggi col Verona".